Come gli scienziati stanno cercando di parlare con lo spazio

Un team internazionale di astrofisici ha catturato un flusso di misteriosi segnali cosmici da un'unica sorgente radio. Stiamo parlando di una serie di raffiche radio veloci. Per 47 giorni, gli scienziati hanno registrato più di 1,5 mila di questi segnali. Un lampo veloce è un lampo che dura una frazione di secondo, ma la sua potenza è paragonabile all'energia di mille Soli. Ora gli astronomi di tutto il mondo stanno cercando di capire la natura dei misteriosi segni e determinare dove si verificano.

Messaggio di Arecibo

Circa mezzo secolo fa, l'osservatorio portoricano di Arecibo ha lanciato uno speciale segnale radio spaziale. Fu inviato verso M13, il cosiddetto ammasso nella costellazione di Ercole. Il segnale è durato solo 169 secondi, ma gli scienziati sono riusciti a trasmettere tutte le informazioni più importanti sulla Terra. Il messaggio era composto da sette parti.

Lo scopo del messaggio di Arecibo è mostrare ai potenziali abitanti di altri pianeti che non sono soli nell'Universo. Ma gli alieni dovrebbero lavorare seriamente sulla decifrazione.

Gli autori del messaggio di Arecibo - gli astronomi americani Francis Drake e Carl Sagan - non furono pionieri in questo campo.

Gli Americani inviarono la loro prima "lettera" nello spazio solo 10 anni dopo. Nel 1972, hanno posizionato targhe informative sulla stazione interplanetaria Pioneer 10. Questo dispositivo è stato il primo nella storia a raggiungere la terza velocità.

Non ci sono stati incidenti. Quando l'immagine delle lastre è stata pubblicata dai giornali, la NASA ha accusato gli scienziati di inviare materiale pornografico nello spazio. Il fatto è che un'immagine di persone senza vestiti è stata applicata alla piastra insieme all'atomo di idrogeno. Volevano far conoscere ai potenziali "vicini" l'aspetto dei terrestri.

L'obiettivo principale di Pioneer 10 era considerato lo studio di Giove, quindi la stazione dovette funzionare per circa tre anni. Di conseguenza, la connessione è stata mantenuta per 30 anni. L'ultimo segnale è stato catturato nel gennaio 2003. Ora la stazione si sta muovendo verso la stella Aldebaran.

Voyager 1 e Voyager 2 contengono i messaggi più grandi Alla fine degli anni '70, Giove, Saturno, Urano e Nettuno si allineavano in un arco. Questa è una configurazione molto rara di corpi celesti. Gli astrofisici colsero l'opportunità e lanciarono i loro veicoli, che prima visitarono tutti e quattro i pianeti e poi lasciarono il sistema solare.

A causa dello scandalo Pioneer 10, la commissione ha trascorso quasi un anno a selezionare foto e diagrammi per un nuovo messaggio. Tre quarti dei dischi sul disco erano opere musicali: capolavori di Bach, Beethoven, Stravinsky, Mozart e Louis Armstrong. Ma questa volta non è stato senza critiche.

L'ultima navicella spaziale a lasciare il sistema solare è stata lanciata nel 2006. Questa è la stazione interplanetaria americana New Horizons. Ha già superato Plutone e ora si sta muovendo verso uno degli oggetti della Cintura di Kuiper. Purtroppo, non c'è più un messaggio speciale per gli alieni sulla navicella spaziale. L'era della romanticizzazione dello spazio è passata, lasciando il posto all'interesse pratico. Le possibilità di incontrare la vita intelligente nell'Universo sono trascurabili, e ancor di più per ottenere una risposta.

 L'astrofisica Maggie Turnbull, che attualmente lavora per il Governatore del Wisconsin, ha iniziato a lavorare con Tarter alla fine degli anni '90 ed è ora affiliata al SETI Institute. Sta lavorando al telescopio WFIRST della NASA, che verrà lanciato nello spazio nel 2025.

Come trovare gli alieni

Turnbull: Il mio progetto più grande e completo in questo momento è il telescopio WFIRST. (Avrà un nome più divertente più vicino al lancio.) Ma questo significa telescopio a infrarossi ad ampio campo. Il telescopio sarà dotato di uno specchio largo 2,4 metri (7,8 piedi) e di una fotocamera da 300 megapixel, consentendo all'osservatorio di catturare un'area 100 volte più grande di quella che il telescopio spaziale Hubble della NASA vede in un'immagine , pur mantenendo la risoluzione. altrettanto alto.

Alla ricerca di esopianeti

Oltre ad aiutare gli astronomi a rispondere ad alcune delle domande più interessanti, WFIRST aiuterà anche gli scienziati a scoprire pianeti in orbita attorno ad altre stelle nella nostra regione galattica. Questi esopianeti sono numerosi. La missione Kepler Space Telescope (NASA), che si è svolta dal 2009 al 2018, ha scoperto più di 2.600 esopianeti in orbita attorno a stelle al di fuori del nostro sistema solare.

 

WFIRST amplierà questo elenco cercando i pianeti più lontani che possiamo immaginare: migliaia di anni luce dal centro della Via Lattea. Una tecnica che WFIRST utilizzerà è chiamata microlensing . Questo metodo utilizza la teoria della relatività generale di Albert Einstein, che ci ha mostrato che la gravità può piegare le onde luminose su lunghe distanze.

WFIRST utilizzerà anche la coronarografia per visualizzare direttamente gli esopianeti . Poiché gli esopianeti sono molto più deboli delle stelle su cui orbitano, sono incredibilmente difficili da fotografare. Il coronografo è uno strumento ottico che sopprime la luce delle stelle, rendendo possibile l'immagine di questi esopianeti. Usando questa tecnica, WFIRST può studiare la struttura, la composizione o anche la chimica dell'atmosfera di un esopianeta, aspetti che gli scienziati devono conoscere per capire se il mondo è potenzialmente abitabile.

Questo osservatorio è per la maggior parte progettato per lavorare con il cielo profondo e cercare l'energia oscura e la materia oscura. I due argomenti più interessanti in astrofisica. Ma ancora più interessanti per gli astrofisici sono gli esopianeti e la vita. Pertanto, come dimostrazione della tecnologia, accendiamo le prime fotocamere nate nello spazio per scattare direttamente foto dei sistemi planetari vicini. Questo non è mai stato fatto prima.

Abbiamo in programma di iniziare con alcuni sistemi planetari di cui siamo certi che esistano. Li abbiamo trovati grazie all'attrazione gravitazionale che i pianeti esercitano sulle loro stelle. Non li abbiamo mai visti direttamente, ma siamo sicuri che ci siano.

Inizia a scrivere a premi Enter per cercare